LATEST NEWS

 

The Harvest

This is the philosophy of production: to get a great wine, need excellent grapes.

Our winemaking system allows us to respect the origin of grapes, vineyards by vineyards, making wine separately with a computerized control system that prevents the “mixing” of musts and separates “fractions” of pressure and different origins.

All our Gavi (labeled white, black label, etc. ..) is produced with Cortese grapes from different vineyards of different ages . In the cellar, during the harvest, a software stores the data (analysis, origin…) regarding each batch of grapes to create an “history” of every single bottle.

Almost twenty years old plants for the white label and up to sixty years old plants for black label.

The wine-making plant is equipped with a washing system using water about 80°C which ensure hygiene and cleanliness after every single use. This is essential in winemaking plants and only in this way, we can guarantee an suitable environment cleaned up from germs and bacteria.

Harvesting in La Scolca is usually done manually, each person with a small basket so discharged into small trailers. Than the grapes arrives in no more than 20 minutes to the cellar where are registered in the data system, discharged and pressed. All these to preserve the integrity of every single fruit.

The fermentation advance with natural yeasts in steel tanks and the wines of La Scolca remain “sur lie” even ten years like the GdeiG “D’Antan”®. This process reduces the percentage of sulphur dioxide in wine so much that this remains below the limits allowed by law, giving a fresh and natural wine. The wine, decanting, becomes clear without use clarifying process and/or chemicals products.

In every moment of winemaking, starting from the discharging process to the obtaining of the wine, the temperature of the products is strictly controlled by sophisticated cold plants. This system allows the grapes to arrive upright at the moment of pressing, avoiding to loose extracts and perfumes. The winery has also a laboratory for analysis which works to control the quality of wines through all the year. Analyses of single wine and single tank is stored into the database adding data to the “history” of the bottle.

Climatic trends

2014

La Scolca Vineyard Concludes its September Harvest for 2014:

Favouable Weather Promises a High Quality Vintage.

Expectations for La Scolca’s 2014 vintage are high as the screw has not been under specific stress so that the grapes are beautifully healthy with a good sugar content and stable acidity. The weather this year has also played its part. A summer characterized by frequent rains, necessitated a meticulous attention to the raw material: with constant monitoring and timely treatments in the vineyard. This was followed by the intense heat of September, lasting until nearly the end of the month, which promoted an accelerated maturation.

The harvest at La Scolca is always carefully conducted and scheduled to capture the perfect moment of ripeness – so different from vineyard to vineyard, due to the ‘age’ of the soil, and the unique microclimate of each. This year the low nighttime temperatures, dry climate and moderate winds favored an early harvest at La Scolca. Indeed, the 2014 vintage at La Scolca started one week in advance compared to the average of the area of Gavi. This allowed the harvest to start under the most favorable of conditions: taking advantage of the marine breeze coming off the Ligurian Sea which dried the soil and climate. This advance also protected the grapes from the risk of the first symptoms of decay of the skins which often occurs once the temperature begins to drop and the first autumn rainfalls begin.

Chiara Soldati comments: “This 2014 vintage is really special because it encapsulates our mission to combine tradition, modernity, innovation and a great passion for wine.” The classic Gavi wine was invented at La Scolca in 1919 and continues to be a focus of the Soldati family who believe strongly in its unique traditional characteristics, but they also continue to innovate.

The winemaking system at La Scolca allows a respect for the origin of grapes by making wine separately, using a computerized control system that prevents the “mixing” of musts and separates “fractions” of pressure and different origins. Diam Cork is now used in production. The wine-making plant’s washing system heats to 80°C, ensuring the removal of all bacteria and preserving the integrity of every single fruit.

Chiara Soldati is proud of the vineyard’s winemaking pedigree: “Throughout the years La Scolca has consistently selected a GAVI wine that arrives on tables all over the world still fresh, fruity and defined by its special qualities. It is a wine of “emotion” that gives everybody a complex and unique feeling.”

2013

A high quality distinguishes the year 2013 for the Scolca.

After a particularly long and hard winter,.the months of June, July and early August were dedicated to the alternative, the heat interrupted by periods of cooler and often accompanied by rain. The exchange rate has had the first of August, with a situation of intense heat that lasted until nearly the end of the month promoting an acceleration of maturation. Then move to the middle of August when days of rain helped to cool the climate. In terms of quality expectations are high, mainly due to the fact that the screw has not been specific stress and the grapes are healthy and beautiful, with good sugar content and acidity rather good and stable. The temperature recorded between the temperature of the nights with low temperature and dry climate favors the early harvest with high temperatures, but refreshed by moderate winds. With 2013 harvest we sign a great vintage!

2012

La Scolca 2012 Harvest – 94 years of Passion, history and Modernity

 

The 2012 vintage at La Scolca started two weeks in advance compared to the average of recent years, with a high quality production. After a hot and dry summer which resulted in an advance of the grape harvest of about a month, compared to 30 years ago.

The wind dried the soil and climate, and returned with a high range temperature: it allowed us to start the harvest on September 7th ( see the video at www.scolca.it http://www.youtube.com/user/Scolca1) under the most favorable conditions and in advance of the usual harvests of our “micro-zone” that normally can take advantage of the marine breeze benefits and temperate climate of the Ligurian sea.

This advance protects the grapes from the risk of the first symptoms of decay of the skins moisture due to the first rain fall and lower temperatures.

2011

E’ Iniziata il 24 Agosto, con anticipo rispetto alla media della Docg Gavi, la 92° vendemmia di La Scolca.

 

Merito di studiati diradamenti e delle avanzate tecniche di coltivazione messi in atto.

Vendemmia 2011 come quella del 2003 o più calda? Questa è la domanda che il consumatore si porrà prossimamente quando avrà sul tavolo una bottiglia di vino, in specie bianco, dell’annata 2011.
Così la nostra risposta è che forse il 2003 ha avuto picchi di temperature più elevate, ma la stagione 2011 ha avuto un clima giornaliero caldo, per un periodo lungo fuori dal normale, si parla degli ultimi 100 anni.
La differenza fondamentale per la qualità della nostra uva bianca è stata quella di avere delle notti fresche, al contrario del 2003, il che ha permesso alla pianta di recuperare lo stress del giorno . Il motivo del nostro anticipo sul resto della zona del Gavi è stata la correttezza della lavorazione sia del terreno che della parte verde. In questo ci è stato di grande aiuto seguire le regole dell’università di Bordeaux da cui proviene proviene l’agronomo che segue i nostri vigneti. Un alto livello qualitativo contraddistingue l’annata 2011 di La Scolca.
Senza tema di smentita possiamo dire di averla terminata nel giro di 10-12 giorni quando nelle maggiori proprietà di Gavi la vendemmia non era ancora cominciata! La temperature della prima uva che raccoglievamo al mattino era intorno ai 17°, poi saliva gradatamente nel corso delle ore, al che sul mezzogiorno veniva messo in funzione l’avanzato sistema di raffreddamento delle uve al momento dello scarico che riportava ad una temperatura di lavoro accettabile l’uva intera prima della pigiatura. Il mosto poi ricoverato subito in serbatoi termo-condizionati passava le ore successive scendendo verso i 15° operando una decantazione statica naturale delle parti solide più pesanti, scartate poi con il travaso successivo della sola parte più limpida.
Nel ricordare l’andamento climatico, si segnalano degne di nota le abbondanti riserve idriche ,accumulate che hanno compensato il caldo e la mancanza di precipitazioni dell’estate. Nessun evento particolare è stato poi registrato sul fronte fitosanitario. Le buone escursioni termiche notturne hanno consentito di raggiungere livelli qualitativi decisamente interessanti sia per i contenuti aromatici che per il bilanciamento tra acidità e zuccheri. Le escursioni termiche registrate tra la temperatura delle notti con temperature basse e clima asciutto favoriscono il raccolto mattutino con temperature alte, ma rinfrescate da venti moderati.
A determinare l’anticipo è stato soprattutto il caldo dei mesi estivi. I mesi di giugno, luglio e i primi giorni di agosto sono stati all’insegna dell’alternanza, con il caldo interrotto da periodi più freschi e accompagnati spesso anche da piogge.
Il cambio di ritmo si è avuto a Ferragosto, con una situazione di caldo intenso che si è protratta fino quasi alla fine del mese favorendo un’accelerazione della maturazione.
In termini di qualità le attese hanno confermato una qualità elevata, soprattutto grazie al fatto che la vite non ha subito particolari stress e le uve sono sane e molto belle, con un buon grado zuccherino e tenori di acidità piuttosto buoni e stabili.

2010

Un alto livello qualitativo contraddistingue l’annata 2010 per La Scolca.

 

Dopo un inverno lungo e particolarmente rigido, la primavera è stata perturbata fino alla sua fase finale.

I mesi di giugno, luglio e i primi giorni di agosto sono stati all’insegna dell’alternanza, con il caldo interrotto da periodi più freschi e accompagnati spesso anche da piogge. Il cambio di ritmo si è avuto prima di ferragosto, con una situazione di caldo intenso che si è protratta fino quasi alla fine del mese favorendo un’accelerazione della maturazione . Per poi passare alla metà del mese di agosto quando giorni di pioggia hanno contribuito a raffreddare il clima , mentre sul finale si è tornati al caldo intenso. In termini di qualità le attese sono elevate, soprattutto grazie al fatto che la vite non ha subito particolari stress e le uve sono sane e molto belle, con un buon grado zuccherino e tenori di acidità piuttosto buoni e stabili. Le escursioni termiche registrate tra la temperatura delle notti con temperature basse e clima asciutto favoriscono il raccolto mattutino con temperature alte , ma rinfrescate da venti moderati .La conseguenza di questa continua alternanza atmosferica è stato un ritardo di circa quindici giorni nello stato vegetativo rispetto al 2009, ma anche rispetto alle annate precedenti, caratterizzate da anticipi importanti su calendari considerati nella norma. Prova ne è l’andamento di questa vendemmia che, seppure abbia alle spalle un annata caratterizzata da sbalzi di temperatura e livelli di piovosità elevati, si sta orientando verso un risultato che, se il mese di settembre decorrerà nel migliore dei modi, non esclude la possibilità di firmare un grande millesimo

2009

E’ Iniziata con anticipo , rispetto alla media della Docg Gavi, la 90° vendemmia di La Scolca.

Merito di studiati diradamenti e delle avanzate tecniche di coltivazione messi in atto.

Un alto livello qualitativo contraddistingue l’annata 2009 di La Scolca.

Ma mai come quest’anno la qualità in generale sul territorio nazionale si è presentata eterogenea e molto ha influito sulla qualità dei vini sia i metodi di coltivazione che la tempistica delle operazioni di vendemmia.

Le abbondanti riserve idriche ,accumulate durante uno degli inverni con maggiori precipitazioni piovose e nevose degli ultimi tempi, hanno compensato il caldo e la mancanza di precipitazioni dell’estate. Nessun evento particolare è stato poi registrato sul fronte fitosanitario.

Il germogliamento è avvenuto ottimamente grazie alle temperature del mese di Maggio, la fioritura e l’allegagione sono avvenute in anticipo di circa 10 giorni rispetto ai normali periodi, anticipo poi registrato nei tempi di raccolta e vendemmia.
Dopo il ritorno alla normalità del 2008, la vendemmia in corso si è svolta in anticipo di oltre una settimana, su un calendario considerato medio, a causa soprattutto delle temperature estive hanno registrato valori al di sopra delle medie stagionali che ha accelerato la maturazione delle uve. Le buone escursioni termiche notturne hanno consentito di raggiungere livelli qualitativi decisamente interessanti sia per i contenuti aromatici che per il bilanciamento tra acidità e zuccheri. Le escursioni termiche registrate tra la temperatura delle notti con temperature basse e clima asciutto favoriscono il raccolto mattutino con temperature alte , ma rinfrescate da venti moderati

Una caratteristica di questa campagna produttiva è quella di non presentare omogeneità sia a livello nazionale sia all’interno della stessa area geografica.

Specifici eventi atmosferici, soprattutto in fase di allegagione, hanno di fatto determinato incrementi o flessioni rispetto allo scorso anno, con variazioni che comunque, sia nell’uno che nell’altro caso, risultano quasi sempre abbastanza contenute. A determinare l’anticipo è stato soprattutto il caldo del mese di maggio, dopo un inverno tra i più nevosi e rigidi che si ricordino e una primavera molto piovosa . I mesi di giugno, luglio e i primi giorni di agosto sono stati all’insegna dell’alternanza, con il caldo interrotto da periodi più freschi e accompagnati spesso anche da piogge. Il cambio di ritmo si è avuto prima di ferragosto, con una situazione di caldo intenso che si è protratta fino quasi alla fine del mese favorendo un’accelerazione della maturazione .

In termini di qualità le attese hanno confermato una qualità elevata, soprattutto grazie al fatto che la vite non ha subito particolari stress e le uve sono sane e molto belle, con un buon grado zuccherino e tenori di acidità piuttosto buoni e stabili.

2008

Il 2008 e’ stato caratterizzato da un inverno mite con pochissime precipitazioni, temperature sopra la media, giornate soleggiate e brevi e scarse nevicate.

La primavera piovosa fino ai primi di giugno ha determinato ritardo dello sviluppo vegetativo.

Nei mesi successivi il ritorno alle condizioni climatiche ideali ha contribuito ad una maturazione graduale ed equilibrata:e’ stato privilegiato lo sviluppo degli aromi e la differenziazione delle caratteristiche dei diversi “crus”, amplificando la peculiarita’ di terreni e delle esposizioni.

Le condizioni climatiche della primavera hanno consentito un’ottima impollinazione solo ai vigneti siti in esposizioni privilegiate, dando origine nel comparto del Gavi a grandi differenze nelle produzioni delle uve. Inoltre e’ stata determinante la tempistica nella scelta dei trattamenti adeguati amplificando ulteriormente la superiorita’ dei vini prodotti nelle zone dei gran crus.